You are here: /

HAMMERFALL: (r)Evolution

data

05/09/2014
50


Genere: Power Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Distro:
Anno: 2014

Pensate che era iniziato tutto come un side project...Un disco o due al massimo, come sfogo per un paio di componenti dei Dark Tranquillity, Stormblad degli In Flames e Dronjak dei Ceremonial Oath. Oggi come non mai rimpiangiamo che non sia rimasto tale. Gli Hammerfall tornano inesorabili con il nono album, ponendosi a torto come rappresentanti del power metal. Ascoltando loro, tutti i detrattori del genere hanno ragione. Bisognerebbe spiegare però che oramai gli Hammerfall sono una specie di fantasma, che incarna la parte peggiore, stanca e più stereotipata del power. Altro che rivoluzione, il disco in questione trattiene qualche ritmica e parte più nervosa/arcigna, ma va a rimestare sempre nel solito calderone, ammuffito e obsoleto dei loro primi album, con quel 'Glory To The Brave' che la band stessa ancora non si capacita di come gli sia uscito e quindi copia e incolla a manetta. Tutto suona troppo innocuo, a partire dalla solita voce incolore di Joacim Cans che stentiamo possa riprodurre fedelmente questi brani dal vivo. Eppure "Hector's Hymn" essendo proprio uguale a qualsiasi altra cavalcata fatta in precedenza, con bridge infinito, ritornellone e assolo sulla base del coro alla fine non ci sembra così male. Anche "Bushido" pensiamo che possa finire addirittura tra le loro composizioni migliori, si fa cantare tutta ed è irriducibilmente metal. Sarà che non siamo fan della band e quindi la ascoltiamo cum grano salis, ma attualmente ci sono decine e decine di gruppi che sanno fare tutto questo meglio degli Hammerfall, con più convinzione, ispirazione e furbizia. Roba come la lenta e moscia "Winter Is Coming" e la scontatissima "Wildfire" non dovrebbero proprio essere incise, ma evidentemente qualcuno apprezzerà. Chi mai può farlo? Due categorie di persone: quelli che non hanno mai ascoltato altro all'infuori degli scandinavi e quelli che ci sono cresciuti e provano pietà a stroncarli. Ci si ricorda più delle cose brutte che di quelle belle e questo pregiudica senz'altro l'acquisto.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web