You are here: /

GRAVES AT SEA: The Curse That Is

data

08/04/2016
70


Genere: Sludge Doom Metal
Etichetta: Relapse Records
Distro:
Anno: 2016

A che serve pubblicare un full se hai diversi split e singoli che come minutaggio sono decisamente consistenti? Serve a dare il colpo di grazia. I Graves At Sea sono una vecchia conoscenza della palude che finalmente emerge dal fango, e ci obbliga a prendercela comoda, rallentando i tempi e tenendoci impegnati per giornate intere. Signori, questa è la forza dello sludge. 'The Curse That Is' è quello che miriadi di recensori definirebbero come "monolitico", ma la dicitura esatta sarebbe "asfissiante e gigantesco". A partire dai primi secondi si capisce che l'ascolto non sarà cosa semplice, che bisognerà tenere all'erta tutti i sensi, non scapocciare semplicemente come dei troll. Il cantato rende omaggio agli Eyehategod: tipica è la sensazione che qualcuno stia martoriando le corde vocali di Nathan con un coltello seghettato, quasi cercando di suonarle a mo' di strumento classico. I riffoni impostati che non si smuovono nemmeno con una ruspa sono in gran parte di scuola Crowbar, anche se ci sono alcune deviazioni più classiche (Black Sabbath) e altre narcotizzanti alla Electric Wizard. La particolarità di un disco tutto sommato nient'affatto rivoluzionario, che punta più sulla strabordante quantità che sulla pur buona qualità, è quel violino che irrompe in un paio di tracce. Dopo diversi minuti di agonia e tormentato sludge il suono soave sembra volerci dare un'ancora di salvezza, respiro, vita. Ma sono solo illusioni perché tramortisce ancora di più e alla fine dà quel tocco psichedelico che movimenta ulteriormente il lavoro. Non se ne esce indenni, questo è certo. Qualunque sia la vostra resistenza sarete più propensi alla autodistruzione dopo qualche giro nello stereo, che sarà aumentata in modo direttamente proporzionale all'amore verso il genere.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Lita ford slaughter club

LITA FORD
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Corpetto in pelle nera e chitarra (la fedele BC Rich Russian Vodka che è comparsa in molti video clip) a tracolla: nonostante i suoi 62 anni, Lita Ford dimostra una grinta invidiabile, ma soprattutto una gran tenuta fisica e vocale da far invidia anche alle pi...

Jan 29 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web