You are here: /

GIN LADY: Mother's Ruin

data

09/06/2013
68


Genere: 70's Rock
Etichetta: Transubstans Records
Distro:
Anno: 2013

Rimpiangiamo i Black Bonzo, lo facciamo sempre di più dopo che abbiamo la prova che i Gin Lady sono più che un progetto estemporaneo. Attenzione, non vogliamo certo liquidare con superficialità l'operato della nuova band che vede membri dei BB e degli All Janet, ma non c'è paragone. Uno spreco terribile di talento. Non di energia, perchè in 'Mother's Ruin' si risparmia, da questo punto di vista. Lo sforzo è minimo, si sente: l'esteriorità di coragioso doppio album cozza con la sostanza, semplice e diluita per dei lunghissimi settanta minuti. Le coordinate sono quelle dell'omonimo debutto: anni Settanta del rock, tra Rolling Stones e soprattutto i Led Zeppelin del periodo 'Physical Graffiti', con la tastiera a insinuarsi nel tocco hard/blues elettrificato appena della chitarra. Quello che rimane della precedente incarnazione di alcuni dei componenti è la ricerca di sembrare diversi nonostante si sia palesemente in terreni spogli, oramai aridi, per quelli che non sanno rivangare bene. I passi falsi sono quelli che rendono omaggio ai propri idoli e difettano di personalità in modo terribile, come "Rockin' Horse" che è "Rock 'n' Roll" degli Zeppelin svuotata di ogni goccia di sudore di Robert Plant e resa noiosa, a parte il piano in coda, come la titletrack che ha la linea melodica simile a "Maniac" di Michael Sembello. Ecco, non è tanto la originalità che manca, è che le canzoni si crogiolano in una rilassatezza che a tratti si fa irritante. Vogliamo che si muova qualcosa, non che ci addormentiamo attorno al solito giro blues. Fortunatamente, l'alternanza di canzoni più pacate a quelle in cui anche il cantante è meno cantilenante è l'arma vincente dei Gin Lady. Tante semplici composizioni, in cui la monotonia prende raramente il sopravvento sul groove e su gustosi tappeti di hammond e pianoforte, in cui si innestano tanti temi: dalla semiballad alla Black Crowes a momenti di ripresa dello stile di Jimmy Page, da brani più strutturati a pasticche psichedelice. "I Head For The Mountains" tiene il ritmo, una lunga e sostenuta scalata sulle rocce, qualche allucinazione, ma va tutto bene, anzi no, c'è "Far From Being OK" che fa il punto della situazione, con movimenti a onda che non fanno capire quando effettivamente è avvenuto il cambiamento del ritmo, quasi tribale. Citiamo le cose meno regolari, potremmo anche dire che "All Because Of You" è un bel pezzo, e lo è davvero, però -ancora una volta- vogliamo che i Gin Lady siano più intraprendenti, "scetati", come si dice a Napoli, perchè possono pure lasciare per sempre le velleità prog dei Black Bonzo, ma rinunciare a rendere originali in altro modo le canzoni non è il modo migliore per ripartire.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Eoe

EAST OF ELI ft. CHYLER LEIGH
Traffic Live Club - Roma

Nel giugno 2017 avevamo avuto il piacere di assistere al primo concerto in Italia di East Of Eli (aka Nathan West) con la partecipazione di Chyler Leigh (Alex Denvers in Supergirl). Un anno dopo, il ritorno a Roma per EoeXtour

Jun 15 2018