You are here: /

GHOST OF MARY: Oblivaeon

data

11/04/2017
75


Genere: Gothic Symphonic Melodic Death
Etichetta: Revalve Records
Distro:
Anno: 2017

Il 2017 sta andando come un treno, tanto velocemente da aver già adesso quasi oscurato il 2016, di cui per fortuna non si sono ancora esauriti i botti finali. Con un consistente grado di colpa recupero solo ora i Ghost of Mary e non potrei essere più felice di farlo. Sono stati annunciati pochi giorni fa in apertura all'Agglutination di agosto (headliner Sodom e Venom, mica Stanlio e Ollio) e mi si è accesa la luce in fondo al cervello, per cui ho estratto il loro promo dalla casella mail senza ulteriore indugio. Non voglio raccontarvi favolette: mi aspettavo il solito gruppo italiano con il minimo sindacale di preparazione tecnica, con idee buone e confuse, con tanti punti critici nel mischiare le proprie influenze. Niente di più sbagliato. Un complimento che si potrebbe fare alla band pugliese è infatti che non sembrano per nulla italiani. Tastierine mediocri? Archi da pubblicità di soap opera? Pronuncia campestre e stonature varie? No, no e ancora no. Già l'inquadramento del genere non è stato immediato ed è un ottimo segno. C'è la struttura dei pezzi gothic metal, c'è l'atmosfera avvolgente, cupa e romantica, sviluppata talvolta con una leggiadria incredibile propria della musica classica, talvolta con quella che potrebbero avere gli Insomnium o qualcuna delle recenti leve del death più melodico ed emozionale, con ritornelli che non hanno paura di essere moderni e ricercano sempre soluzioni non banali. I Ghost of Mary sventagliano, sferzano e ammaliano su più fronti con sicurezza, tra dolcezza e cattiveria, e -cosa molto gradita- non abusano dell'alternanza voce maschile in growl/femminile operistica perché la versatilità di Daniele Rini (stesso cognome di quel Frank che squartava bufali nei Internal Bleeding) è tale da passare con nonchalance dal growl perfido ad una voce piena di pathos e trasporto, passando per registri più bassi e gotici ed altri totalmente puliti. Ovviamente non può essere solo suo il merito, anche se già sapevamo che non era un cantante qualsiasi per i suoi trascorsi nei Silvered (a proposito, chi ha notizie di loro?). È tutta questione di bilanciamenti, di cui l'intera band si fa carico egregiamente. La componente classica/acustica è perfettamente integrata con quella metallica, non si coprono tra di loro, nessuna prende staticamente il sopravvento o si relega nelle retrovie come un grammofono sullo sfondo. Al contrario queste si supportano a vicenda, l'una trae forza dall'altra, si compenetrano appassionatamente e i risultati sono degni di nota, fin nella produzione molto calda, naturale e di alto livello. 'Oblivaeon' non deve passare inosservato se vi piace anche solo un gruppo all'interno dell'ideale quadrilatero i cui vertici sono In Flames, The Gathering, Paradise Lost e Dark Lunacy.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Eoe

EAST OF ELI ft. CHYLER LEIGH
Traffic Live Club - Roma

Nel giugno 2017 avevamo avuto il piacere di assistere al primo concerto in Italia di East Of Eli (aka Nathan West) con la partecipazione di Chyler Leigh (Alex Denvers in Supergirl). Un anno dopo, il ritorno a Roma per EoeXtour

Jun 15 2018