You are here: /

GANDALF'S OWL: Winterfell

data

31/07/2016
50


Genere: Dark Ambient
Etichetta: Club Inferno Ent.
Distro:
Anno: 2016

Spesso si accusano i musicisti power di essere chiusi mentalmente e di ripetersi all'infinito nelle loro battaglie, spadoni e unicorni. Il tentativo di Gandolfo Ferro di cimentarsi con l'ambient deve essere visto come lo sfatamento di questo luogo comune. Il cantante siciliano, già protagonista della grande rinascita degli Heimdall con 'Aeneid' del 2013, si mette in proprio e dà sfogo alle sue passioni: musica epica e tematiche che lo sono ancor di più. Gandalf's Owl è solo un modo per pronunciare il suo nome in modo più poetico, in fin dei conti. Non c'entra nulla con Tolkien e col Gandalf del Signore degli Anelli, qui si venera un grande del fantasy moderno: George Martin e le sue Cronache di Fuoco e Ghiaccio. I nomi delle canzoni saranno familiari a chi ha letto i libri o guardato la serie tv del Trono di Spade. Grande Inverno, il Nord, la Barriera, Porto Bianco... Luoghi su cui Ferro costruisce il suo personale, breve tributo a quel tipo di storie. Chiusi gli occhi e aperte bene le orecchie però non si viene colpiti a fondo dalle tre canzoni. Spicca innanzitutto l'assenza di dinamiche nei suoni, che non sono profondi e risultano poco curati rispetto a quanto il musicista si è proposto di fare. "The Wall" è il momento peggiore, non prende una direzione precisa e si dimostra poco orecchiabile, le voci sussurrate sono troppo alte e fastidiose (così anche nel terzo brano) per questo vien da chiedere per quale motivo siano scandite in quel modo se poi sono messe così in evidenza? Il freddo delle terre del Nord emerge in parte solo dopo i quattro minuti, nella title track in cui la chitarra e i sintetizzatori fanno bene il loro lavoro. Purtroppo i battiti ritmici, che sembrano amatoriali e invadenti, rovinano l'atmosfera, recuperata in parte nel brano conclusivo. Non è merito dei suoni naturalistici, anche qui abbastanza forzati, ma del gelo dei sintetizzatori, semplici e efficaci. 'Winterfell' è carente di dettagli e di spontaneità del suono, risultando più vicino a una demo casalinga che a un prodotto finito. Si deve ripartire da "White Arbour" e da tutto quel mondo di uscite Prophecy Productions che con un cembalo e un pianoforte hanno creato sogni. Quanto creato questa prima uscita targata Gandalf's Owl potrebbe essere anche inserita in un futuro disco degli Heimdall, a condire il forte apparato metal, ma non riesce a stare in piedi da sé.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ben frost 630x400

BEN FROST
Auditorium Parco della Musica - Roma

Compositore di musica elettronica australiano trasferitosi in Islanda, è una delle nuove leve che ha già alle spalle diverse produzioni per serie Tv, film e cortometraggi; le sue creazioni sono caratterizzate da una ritmica sganciata dall’evoluzio...

Dec 14 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web