You are here: /

FAKE HEROES: Clouds

data

06/12/2015
75


Genere: Alternative Prog Metal
Etichetta: Unsigned
Distro:
Anno: 2015

Autoproduzione? Ci rinunciamo. Dopo questa storia non sappiamo più in cosa abbiano voglia di investire le etichette... Magari nell'export di patate, perché cercare talenti non è il loro mestiere. Ok, forse siamo troppo duri, ma non riusciamo a capacitarci della sorte di "band autoprodotta" dei Fake Heroes. Non dite che il loro genere non è appetibile perché la Arising Empire (etichetta civetta della Nuclear Blast) ha spacciato per prog metal un album di metalcore aggiornato al djent ('Souvenirs' dei Novelists), e quindi in realtà un'istanza di quella tipologia di musica è presente nel mercato. Ecco, se anche il gruppo abruzzese avesse avuto il vocione metalcore e le chitarrone ciccione a questo punto staremmo parlando di una storia diversa, ma -lasciatecelo dire- molto meglio così perché 'Clouds' è l'esempio da seguire per tutti i musicisti che sono ingiustamente ignorati, la vittoria della qualità sulle logiche di mercato poco coraggiose. Ma poi che coraggio ci vuole per promuovere un disco di prog alternativo di questa levatura? Arioso, melodioso, intricato senza essere poco orecchiabile, brani diversi l'uno dall'altro e suonati in modo ottimale, la passione emerge in modo talmente netto sulla tecnica. Non si tratta di un cd di antiquariato, che colleziona frammenti di Dream Theater e li assembla a caso, bensì di un lavoro estremamente maturo se pensiamo che i Fake Heroes si sono fondati solo nel 2012, in cui si lambiscono anche territori djent con i riff convulsi ma comunque non troppo bassi e incolori, senza andare a perdere le tonalità calde che servono per accompagnare un cantato che piazza sempre la strofa o il ritornello che canti subito, senza pensarci. E ti fa stare bene. Sono molto riusciti gli inserti di elettronica qua e là, come anche i richiami più rock di "The Beast Inside" (Muse + metal moderno americano + ritmiche da perdere l'uso degli arti per due settimane). Diciamo che i brani migliori sono nella prima metà dell'album, che comunque termina in modo più che buono, senza perdere la propria identità. Ci si assesta su quanto detto in precedenza e si viaggia meno spediti e con qualche piccola flessione nei ritornelli. Se prossimamente i Fake Heroes riusciranno a garantire una qualità omogenea all'intero disco e ci ritroveremo a parlarne su queste pagine, sarebbe veramente un delitto vedere ancora la dicitura "unsigned" nello spazio dedicato all'etichetta.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web