You are here: /

DISPERSION: Syntropy

data

05/03/2016
69


Genere: Post Black Metal
Etichetta: Unsigned
Distro:
Anno: 2016

Cosa unisce Italia e Bangladesh? Il fatto che entrambi gli Stati ospitano un gruppo chiamato Dispersion (provare per credere, stavamo per sbaglio inserendo il contatto Facebook degli asiatici qui a sinistra). Focalizziamoci invece su quelli più vicini a noi, i trevigiani, alle prese con il primo full length dopo un EP nel 2014. La band è giovane, ma conosce già alcuni trucchi del mestiere. Fai post-black metal? Se crei un'atmosfera sei a metà del lavoro, pur se i tuoi spunti iniziali sono ancora da livellare e far fiorire. 'Syntropy' è proprio un'incessante erosione delle nostre resistenze, con la componente più violenta a scartavetrare le ossa e le melodie camaleontiche e insistenti della chitarra sullo sfondo che ricostruisce un mondo livido, teso e minaccioso. La grande espressività del tessuto musicale sopperisce alla lieve monotonia del cantato (che è discontinuo, tra l'altro: in "Throne of Balance", conclusione da urlo, è impressionante, in altre parti invece non è valorizzato al massimo), accompagnando la riflessione dei testi dell'album su tematiche al contempo filosofiche e antropologiche (rapporto uomo-natura, la guerra, la tecnologia e la creazione di un nuovo ordine nella natura). Sulle prime è difficile entrare a pieno in 'Syntropy', complice una "Hills Of Pangaea" smaccatamente introduttiva e non accattivante come il prosieguo. Anche l'interlocutorio e delicato intermezzo "Consequences" si dimostra molto più ispirato, ma il pezzo forte sono i quattordici minuti di "Tides of Ages", in cui l'Italia sembra aver trovato i suoi Deafheaven (o Bosse de Nage, se i primi vi vergognate ad amarli). Certo, bisogna ancora affinare alcune parti poco agili: per esempio, l'inizio di "Wanderers, Seekers" sembra un crescendo tutto finalizzato a un'epica seconda parte di canzone che però non arriva mai e si resta un po' delusi. Si vola abbastanza in alto e si riesce a mantenere uno standard qualitativo che fa davvero pensare a un futuro roseo... Come la copertina di 'Sunbather'.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Eoe

EAST OF ELI ft. CHYLER LEIGH
Traffic Live Club - Roma

Nel giugno 2017 avevamo avuto il piacere di assistere al primo concerto in Italia di East Of Eli (aka Nathan West) con la partecipazione di Chyler Leigh (Alex Denvers in Supergirl). Un anno dopo, il ritorno a Roma per EoeXtour

Jun 15 2018