You are here: /

CADAVERIC CREMATORIUM: One Of Them

data

25/06/2012
80


Genere: Brutal Grind
Etichetta: The Spew Records
Distro:
Anno: 2012

Quattro anni, un'eternità dall'osannato 'Grindpeace', in cui chi scrive continuava ad ascoltare i vecchi lavori della band ed a sperare in un celere ritorno. Non un capolavoro assoluto, ma di certo il precedente album è una pietra miliare per gli italiani che si cimentano con il death/grind: zaffate di ironia parodistica e badilate pesantissime convivevano in modo assolutamente nuovo e geniale. Anno Domini 2012 ed i Cadaveric Crematorium tornano a deliziarci e a riempire di sporcizia le nostre orecchie. Cambiamenti rispetto al passato? Diversi, a partire dall'abbandono di un chitarrista (ora il gruppo è un quartetto con una sola ascia) e dal cambio di batterista. Se la prima defezione si nota, visto che i pezzi sono più omogenei che in passato, l'ingresso di Gerro dietro il drum-kit non ha diminuito di un'oncia il potenziale offensivo dei CC, anzi, i patterns si sono - per quanto possibile - ancora più estremizzati. Altra novità è il raggiungimento di una apparente maturità: per dire, non c'è qui una traccia come "Nessun Muoia" e si architetta un concept fantascientifico, tra il serio e l'attitudine tipicamente Cadaveric-style che ci fa capire che in fondo sono sempre gli stessi, solamente hanno mascherato il loro humor. L'umanità totalmente rimbecillita si mette d'accordo per una scorreggia mondiale in contemporanea: il pianeta si sposta troppo vicino al Sole, le conseguenze sono devastanti, mutazioni genetiche e radiazioni portano alla scissione della razza umana in Protetti e Mutanti. La trama è questa, sarebbe ingiusto svelare il resto della storia visto che vale davvero la pena di immergersi in questa Terza Guerra Mondiale, tra titanici tentativi di aggiustare tutto e colpi di scena grotteschi. Aiutano ad entrare nel vivo del concept gli intermezzi, anche se alcuni sono francamente superflui e potevano essere inglobati con più efficacia nelle canzoni effettive, dieci in tutto. Passando al lato musicale, dobbiamo constatare che non c'è evoluzione rispetto a 'Grindpeace', ma sarebbe stato molto difficile migliorare tale album. Un death metal molto, molto rancido, suonato con un'anima che si serve della tecnica per rendere i brani veramente brutali, senza perdere il filo del discorso, sapendo anche diventare catchy in "They Are Back". Una "Smiling And Farting" abbinata alla successiva...sinfonia intestinale di "Beta" ricorda i vecchi tempi e allo stesso tempo non ricorda nulla in particolare, qualcosina dei Carcass, qualcos'altra dei Cannibal Corpse, e soprattutto non si confonde con altri pezzi dell'album. Quello più evocativo è senza dubbio "Zombie Will Dominate" in cui è palpabile la desolazione dell'inaspettato epilogo, ma anche l'abbuffata di strumenti di "Supercharged Sun" (satura e forsennata) e il groove irregolare da palpitazioni della sezione centrale di "The Protected" non sono da trascurare. Non possiamo che essere orgogliosi dell'ennesimo grande disco della band nostrana, ambizioso e ottimamente prodotto, senza cedimenti e dalla alta longevità.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web