You are here: /

BIG STEEL SHIT: Shit Happens

data

02/01/2013
78


Genere: Alternative Metal
Etichetta: Unsigned
Distro:
Anno: 2012

Che peccato parlare di un discone del genere in un periodo in cui molti -giustamente- sono in fibrillazione aspettando il nuovo degli Alice In Chains. Perchè se il monicker Big Steel Shit farebbe pensare a qualcosa di estremamente tamarro (prepotenza alla Pantera), le tracce di 'Shit Happens' vanno a collocarsi a metà strada tra groove/thrash e Seattle (per non dire ancora una volta Alice In Chains...). Dicevamo del confronto: ebbene, la cospicua dose di metal (alternativo quanto vi pare, ma sempre metal) fa emergere che l'ispirazione di dischi come 'Facelift' ("Misleading" sembra venire dalla seconda metà di quel disco lì!) è sì primaria ma non eccessiva. L'unica pecca riferita alle linee vocali che possiamo rilevare è che in alcuni momenti è spontaneo il pensiero "bello, bravi, ma se questo brano fosse cantato da Layne Staley e Jerry Cantrell sarebbe ancora meglio!". A parte questo, Giovanni al microfono si dimostra duttile e ispirato. Prima metà di album di qualità alta e piena di hit per la band. La opener "Lard" è già un classico dei Big Steel Shit, racchiude e bilancia gli umori, con un ritornellone da cantare a squarciagola, per nulla scontato. Citiamo inoltre la spigolosa -dal punto di vista chitarristico- "Godsons", con assolo che emerge nervoso da riff caldi. Ci sono punti più duri, come "It Barks Rage" che sa di thrash e di Alter Bridge oppure la devota ai Pantera, la molto ritmata "Industrial Fever". Solo mezzo 'Shit Happens' vale l'ascolto, e poi, scommettiamo, l'acquisto: è un disco contagioso. Anche se la seconda parte inizia a faticare un po' nel mantenere alta l'attenzione, segnaliamo la scalmanata "Waiting For The Bus" con ospite femminile, una mosca, anzi un moscone bianco che destabilizza l'ascolto e ci dà una scossa. Che saranno capaci di fare questi ragazzi tra qualche tempo, quando sapranno diventare ancora più personali?

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ben frost 630x400

BEN FROST
Auditorium Parco della Musica - Roma

Compositore di musica elettronica australiano trasferitosi in Islanda, è una delle nuove leve che ha già alle spalle diverse produzioni per serie Tv, film e cortometraggi; le sue creazioni sono caratterizzate da una ritmica sganciata dall’evoluzio...

Dec 14 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web