You are here: /

ATREXIAL: Souverain

data

10/08/2017
74


Genere: Blackened Death Metal
Etichetta: Godz Ov War Productions
Distro:
Anno:

No, nessun virus si è impossessato di questa pagina tentando di propinarvi farmaci per la vostra tragica disfunzione erettile. Atrexial è proprio il nome della band, stateci. E a dire il vero l'amara ironia è dovuta al fatto che non mi aspettavo moltissimo da loro conoscendo qualche precedente esperienza dei musicisti coinvolti. Gli Ered oltre al copiaincolla del black svedese non andavano, un titolo come 'Goatworshipping Metal' però è la genialità nella semplicità, e da questo album del 2010 gli Atrexial prendono il batterista. Il chitarrista e cantante Louen, invece, viene dai Nyctophobia, più norvegesi dei Darkthrone e tutto sommato poco attivi (due demo). Il boss, colui che inizialmente aveva concepito Atrexial come una one man band, è il chitarrista dei deathster Human Carnage, che non si sentono dal 2011. Insomma, sembrerebbe che 'Souverain' sia il disco giusto al momento giusto, il provvidenziale trampolino di lancio per gente che fino ad ora ha vivacchiato senza eccellere. Ed infatti la combinazione funziona molto bene. Stavolta i riferimenti musical/geografici sono più estesi e variegati: si parla di Polonia, oltre che di Svezia. Sarà stata la prospettiva di pubblicare per Godz Ov War oppure no? Chissà. Fatto sta che 'Souverain' prende in egual modo dalle trame ipnotiche dei Mgla, quelle melodie sottili e sinistre che si insinuano lentamente, e dal muscoloso sound ibrido di Behemoth (all'incirca 'Pandemonic Incantation') e Hate, soprattutto nella voce. Non siamo certo davanti all'invenzione della lampadina, ma almeno si annodano fili che possono dare un senso alla carriera musicale di tutti i musicisti coinvolti. La solidità e l'affidabilità delle dodici tracce di questo esordio sono fuori discussione. L'unico aspetto che fa storcere un po' il naso è l'effetto-tana operato col black alla Dark Funeral: quando non si ha la profondità di riff o una costruzione più elaborata della canzone, gli Atrexial si rifugiano lì e non è sempre la scelta giusta. La prossima volta ci vuole ancora più coraggio. Come al solito la saggezza popolare mi viene incomtro in chiusura di recensione e mi dà modo di tirare ib ballo anche la copertina: madonna cornuta sempre piaciuta.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ulver sez

ULVER
Santeria Social Club - Milano

I lupi più pregiati della musica norvegese, gli Ulver, hanno deciso quest’anno di tirare fuori l’ennesimo gioiello della loro densa e molto eterogenea discografia, pescando a pieno titolo nella migliore essenza della new wave ottantiana, e facendol...

Dec 16 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web