You are here: /

ATLANTEAN KODEX: The White Goddess

data

08/10/2013
80


Genere: Epic Metal
Etichetta: Cruz Del Sur Music
Distro:
Anno: 2013

Caro Steve Harris, lo vuoi sentire un disco epico con delle palle così? Niente a che fare con i tuoi lunghi brani tutti uguali che ci hai fatto sentire da dieci anni a questa parte con gli Iron Maiden. Prenditi un giorno di ferie e comprati un disco degli Atlantean Kodex. Ecco, 'The White Goddess' è un album che dividerà, proprio come 'The Golden Bough': da un lato una folta schiera di amanti dell'epic che tenderanno a identificare la band tedesca come uno dei più grossi gruppi del genere, dall'altro quelli che in effetti noteranno che la proposta dei Nostri in alcuni casi sia un maldestro e noioso collage di vecchie e gloriose canzoni, dai Manowar ai Cirith Ungol, andando infine a finire dai Bathory più epici. Noi non ci sbilanciamo né in un senso né nell'altro: riconosciamo che i punti di riferimento, soprattutto per un genere come questo che è nato per essere tradizionalista e con precisi tratti distintivi, sono solidissimi e anche in questo secondo album danno vita a citazioni più o meno importanti (il ritornello di "Army of Immortals" da 'Hail To England' ad esempio, scoprite voi dove); allo stesso tempo dobbiamo ammettere che questi tedeschi sono bravissimi. Va bene, la concorrenza sarà assente, imbarazzante (gli stessi Manowar ora sono penosi) o troppo underground per arrivare fino a noi, ma "Sol Invictus" ad esempio è un pezzo da novanta e un ritornello così semplice e facilmente memorizzabile, unito a una cavalcata di dimensioni pantagrueliche (si parla di undici minuti) che fa alienare del tutto l'ascoltatore. Le chitarre sature, che sembrano riprodurre insieme i passi degli zoccoli sul terreno umido e sferraglianti spadoni, sono proprio come ci aspetteremmo, nel bene e nel male. Il cantato non è eroico come quello di Eric Adams (ad avercene come lui), punta più sulla melodia ed è più tipicamente europeo. L'impegno messo nel creare un vero e proprio mondo parallelo, con grande capacità narrativa e passione, dovrebbe essere ricompensato con un ascolto serio e prolungato: un solo brano non rende la cifra dell'opera.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Metalitalia festival 2018sez

METALITALIA.COM FESTIVAL
Live Club - Trezzo sull'Adda (MI)

Uno degli eventi metal più riusciti negli ultimi anni sul suolo italiano vede all’organizzazione principale dei colleghi di stampa musicale, quale è la storica webzine Metalitalia.com, che in ogni edizione disputata all’interno del Live Club...

Sep 24 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web