You are here: /

ADIMIRON: TIMELAPSE

data

13/12/2014
81


Genere: Extreme Prog Metal
Etichetta: Scarlet Records
Distro:
Anno: 2014

La progressione degli Adimiron è notevole, da band di melodic death come tante altre a bestia multiforme in questo ultimo 'Timelapse'. I prodromi di quello che ascoltiamo qui dentro si intuivano già dal precedente 'K2', ma era solo una spolverata, ora la cenere dell'eruzione causata dal quarto full lenght della band capitolina ricopre le nostre malandate orecchie con una coltre spessa, una nera fuliggine che si smuove solo con gli urti causati da fiondate quali "The Giant And The Cow" o "The Furnace Creek ", mentre si insinua dentro di noi grazie all'opener "Collateral", strisciante e vibrante esempio di metal moderno non "allineato", per capirci - e se proprio vogliamo fare dei riferimenti - gli ultimi Machine Head, i Meshuggah, gli Scarve ed i Fear Factory dei '90s, sono frullati e serviti su un letto di death soilworkiano - ci si passi il neologismo - ma non troverete pezzi che vi ricordano solamente queste band, la direzione di un'entità astratta quale "The Burning Of Methuselah" è indefibile e proprio per questo degna di nota, come non di meno lo sono "State Of Persistence" - vi ricordate la coltre di cui sopra, ora si fa più spessa - o la conclusiva "Ayahuasca", sconquassante chiosa di un disco dove tutti si esprimono ai massimi livelli. A cominciare dal singer Andrea Spinelli, sempre più a suo agio, dopo alcune incertezze dell'album precedente e sopratutto dal solista Alessandro Castelli, ovvero colui che definisce l'Adimiron sound e lo cesella con assoli fantastici e per finire, ci piace inserire anche la visionaria cover, in cui l'autrice, l'artista statunitense Lindsey Wakefield dà la sua personale interpretazione del contenuto musicale, commentando l'immagine che ne ha generato: "La nostra identità è fatta di esperienze ed emozioni che spesso cerchiamo di descrivere a parole. L’immagine che ho realizzato per il nuovo lavoro degli Adimiron vuole catturare l’identità visiva di certe emozioni, rendendo definibile l’indefinibile". Non abbiamo altre parole...

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ben frost 630x400

BEN FROST
Auditorium Parco della Musica - Roma

Compositore di musica elettronica australiano trasferitosi in Islanda, è una delle nuove leve che ha già alle spalle diverse produzioni per serie Tv, film e cortometraggi; le sue creazioni sono caratterizzate da una ritmica sganciata dall’evoluzio...

Dec 14 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web